Nuove aperture in Ticino, troppo presto e troppo vaste


Il 16 Aprile 2020 il Consiglio di Stato del Canton Ticino ha annunciato nuove disposizioni per le attività economiche all’interno della finestra di crisi” per il periodo dal 20 al 26 aprile.

Una scelta che preoccupa per gli effetti che determinerà sui flussi del lavoro transfrontaliero, in una fase in cui le curve epidemiche delle aree confinanti di Como, Varese e Verbania ed in particolare, del Cantone stesso, non paiono ancora aver superato il punto critico.

Una scelta che contraddice le raccomandazioni di una parte importante della comunità scientifica e sembra ignorare le cautele a cui l’OMS invita proprio in queste ore, rispetto alle auspicate ripartenze delle nostre attività.

In allegato il comunicato stampa dei coordinatori nazionali dei Consigli sindacali interregionali