Vienna: 14° Congresso della confederazione Europea dei Sindacati CES


Si è tenuto a Vienna il 14° Congresso della CES - Confederazione Europea dei Sindacati.


Hanno partecipato al Congresso oltre 600 delegati sindacali nazionali tra cui i Segretari generali e/o presidenti di circa 90 organizzazioni sindacali nazionali di 38 paesi europei, 10 federazioni sindacali settoriali europee e ospiti speciali provenienti dall'Europa e oltre, tra cui Antonio Costa, ministro Pime di Il Portogallo, Alexander Van der Bellen, presidente dell'Austria, Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, Enrico Letta, decano della PSIA Sciences Po e l'ex primo ministro italiano Joseph Stiglitz, premio Nobel per l'economia.


Prerogativa del movimento sindacale europeo è quello di rinnovarsi e rafforzarsi al fine di sapersi fronteggiare dinnanzi alle sfide, saperle anticipare - un movimento in grado di migliorare le politiche enocomiche del lavoro esistenti. In un momento tanto fondamentale per l’Europa, il movimento sindacale europeo è responsabile della difesa e tutela della democrazia e del modello sociale europeo, basato sulla pace, i diritti umani, dei lavoratori, sociali e ambientali, su condizioni di vita e di lavoro eque e uguali, compresa la qualità pubblica servizi e sistemi educativi.





“La CES lancia il suo piano d'azione per il conseguimento di un nuovo contratto sociale per l'Europa e lavorerà e negozierà con le istituzioni europee e nazionali e le organizzazioni dei datori di lavoro per raggiungerlo, attraverso iniziative tra cui:


1. Un protocollo sul progresso sociale che conferisce ai lavoratori, sindacati e diritti sociali il loro status primario, da inserire nei trattati e attuato attraverso la legislazione e la politica dell'UE.

2. Il rilancio di un piano straordinario per maggiori investimenti pubblici e privati ​​nella creazione di posti di lavoro di qualità in tutti i settori dell'economia e investimenti pubblici in servizi pubblici, beni pubblici e protezione sociale.

3. Riforma della governance economica dell'UE, del semestre europeo, dell'Unione monetaria europea e del bilancio dell'UE per promuovere la giustizia sociale, gli investimenti favorevoli all'occupazione, la crescita sostenibile, una tassazione equa e progressiva e il benessere delle persone - il tutto come obiettivo dell'economia politiche.

4. Ricostruzione del modello sociale europeo, rafforzando e attuando i principi del pilastro europeo dei diritti sociali attraverso politiche, legislazione, regolamentazione sociale, accordi collettivi e solide misure per la ridistribuzione e la convergenza verso l'alto.

5. Rafforzare il dialogo sociale bipartito e tripartito a livello europeo, nazionale e settoriale, attraverso una legislazione rafforzata, politiche, accordi e finanziamenti per lo sviluppo di capacità.

6. Un partenariato per la contrattazione collettiva, per ottenere un aumento generale dei salari e una convergenza verso l'alto dei salari e delle condizioni di lavoro per tutti. Il partenariato dovrebbe portare a raccomandazioni del Consiglio e possibilmente una direttiva quadro, per rafforzare e costruire una contrattazione collettiva nazionale più forte e autonoma e diritti dei lavoratori e sindacali in ciascuno Stato membro dell'UE.

7. Maggiore impegno per l'uguaglianza di genere sul lavoro e nella società, con legislazione e politiche per affrontare tutte le forme di discriminazione, in particolare il divario retributivo di genere;

8. Gestire il cambiamento climatico, la digitalizzazione, l'automazione e la globalizzazione con una transizione giusta che, attraverso la legislazione dell'UE, le misure politiche e i fondi dedicati, il dialogo sociale e la contrattazione collettiva, garantisca che nessuno resti indietro.

9. Una riforma della legge sulla concorrenza, del diritto societario e della nuova legislazione sulla due diligence e le catene di approvvigionamento all'interno del mercato unico, al fine di garantire il pieno rispetto dei diritti sociali, dei lavoratori e sindacali.

10. Una riforma della legislazione dell'UE in materia di informazione e consultazione, rappresentanza a livello di consiglio di amministrazione e consigli di fabbrica europei, miglioramento della partecipazione dei lavoratori nei luoghi di lavoro e cambiamento e ristrutturazione dell'economia.

11. Definire il futuro del lavoro con i quadri giuridici dell'UE per ridurre l'occupazione precaria e incerta, estendere i diritti dei lavoratori e la protezione a nuove forme di lavoro, fermare il dumping e il dumping sociale e costruire una mobilità equa dei lavoratori e la parità di trattamento;

12. Approfondire l'apprendimento permanente e il diritto alla formazione di una realtà per tutti attraverso un'iniziativa legislativa dell'UE;

13. Maggiore azione per costruire un'agenda europea equa e sostenibile per la migrazione, la globalizzazione, il commercio internazionale e le politiche esterne e di vicinato, anche attraverso la piena attuazione in Europa dell'Agenda 2030 e degli altri trattati e strumenti delle Nazioni Unite, comprese le convenzioni dell' OIL”



Per maggiori informazioni:

https://www.etuc.org/en/european-trade-union-confederation-14th-congress-etuc19


Per il Manifesto di Vienna clicca qui